I vantaggi di piccolo formato

piccolo formato
I creatori di cortometraggi e video clip sostenuto nel suo lavoro non solo come ponti per il film, ma piuttosto come esempi di auto-parità di minoranza pochi, il consumo elevato di altri, ma di indubbia validità e dignità. Il ZonaZine il Malaga film Festival ritorna a consacrare uno spazio per le produzioni audiovisive in piccolo formato: i creatori di cortometraggi e video clip sostenuto nel suo lavoro non solo come ponti per il film, ma piuttosto come esempi di auto-parità di minoranza pochi, il consumo elevato di altri, ma di indubbia validità e dignità. Casi come quelli di Juan Antonio Bayona e altri registi di fama, hanno diretto il nuovo look per questi piccoli pezzi che, in molte occasioni, di catturare l’immaginazione, la libertà, il coraggio, la tecnica e l’ambizione che spesso sono meno in produzioni di artisti di fama.

Le storie di tasca
Riorganizzato, o almeno beneficiato, dopo la polemica che si è creata intorno alla sua possibile esclusione nel finale di gala dei premi Goya, il genere del cortometraggio difende fino in fondo il suo posto nel panorama cinematografico. Il ZonaZine il Malaga film Festival, ancora una volta, offre un ricco programma che comprende, appunto, i vincitori dell’ultimo Goya award per il miglior corto di animazione film (Tadeo Jones e il seminterrato accidenti, è stato divertente sequel di Tadeo Jones) e fiction (“Salvatore (storia di un miracolo quotidiano), situato in una delle auto che ha subito l’attacco dell’ 11-M). Particolare attenzione deve essere posta per la Consegna, l’ultimo lavoro di Eduardo Chapero-Jackson, ha ricevuto il premio recentemente dall’Accademia del Cinema Europeo, e con un impressionante Mariví Bilbao in un vero stato di grazia. Volti popolari e luoghi emblematici come Juanjo Puigcorbé, Luis Tosar, José Sacristán e Michelle Jenner a piedi attraverso questo audiovisivi viaggio pieno di tendenze, di distacco e un sacco e un sacco di immaginazione.

Film per il pop, il pop e il cinema: molti video clip

video clip
Il caso di film-makers oggi impennata da critica e pubblico, come Juan Antonio Bayona e Luis Calvo ha finito di scoprire una realtà che era già quotidiane in cinema spagnolo: la cava di video clip riunisce buona parte delle menti migliori del settore audiovisivo, la patria e i ponti che portano dal minipelículas per canzoni pop del film stanno diventando sempre più forti. Il Festival di Malaga forte scommessa per questo tipo di facile consumo e di terra e di televisione, anche se il contenitore, molto spesso, idee brillanti, e rigenerativa che troppo spesso manca nelle opere di registi. Il programma di video clip di questa edizione include le ultime opere realizzate per L-Kan, la Mala Rodríguez, Angy, Elbicho, Lorena C, Vetusta Morla, Cina, Porta,Dover, Negozio, gatti, Blu, Casa, Manos de Topo, la Pigrizia, Gastelo, Marlango, Wonderfool Cosmetici, Cracovia, Luce, Murfila, I Pianeti, Sara da Pin Up, Spam, Macaco, Hidrogenesse, La Montagna e Ainhoa. Tutti dovranno rendere conto di questo singolare legame tra immagine e musica, nata come mezzo di promozione, e ora trasformata in un’autonoma genere e degno. Argomenti a favore di un secolo che muove i suoi primi passi.

Lascia un commento